Modalità di recapito (dal SdI al destinatario)

Il destinatario riceverà la fattura tramite il canale di recapito (Codice destinatario o PecDestinatario) che avrà registrato nell’apposito servizio previsto nell’area autenticata “Fatture e Corrispettivi” dell’Agenzia delle entrate o, in mancanza, attraverso il recapito indicato nell’apposito campo ( o ) dall’emittente la fattura.

Ricevuta la fattura dal trasmittente, lo SdI effettua una serie di controlli. Se la fattura supera detti controlli e non viene scartata (in tal caso entro 5 gg viene recapitata una “ricevuta di scarto”) lo SdI recapita al destinatario seguendo in sequenza le seguenti regole:
• se il cessionario/committente ha registrato l’indirizzo telematico al quale desidera ricevere le fatture elettroniche, provvede in via prioritaria al recapito a tale indirizzo;
• se l’elemento informativo del file fattura “CodiceDestinatario” contiene un valore corrispondente a un canale di trasmissione attivo, inoltra il file fattura al canale individuato;
• se l’elemento informativo del file fattura “CodiceDestinatario” contiene il valore “0000000” ed è valorizzato l’elemento informativo “PECDestinatario”, lo SdI inoltra il file alla casella di posta elettronica certificata individuata;
• se l’elemento informativo del file fattura CodiceDestinatario contiene il valore “0000000” e l’elemento informativo “PECDestinatario” non è valorizzato, lo SdI mette a disposizione il file fattura nell’area autenticata dei servizi telematici del cessionario/committente.

Per maggiori informazioni contattaci tramite il form di seguito

Accetto i termini dell'informativa sulla privacy e autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi del GDPR (Regolamento UE 2016/679).