CONTRASTO ALL’EVASIONE E ANALISI DEL RISCHIO – commi da 681 a 686

È confermato che per le attività di analisi del rischio di evasione l’Agenzia possa avvalersi, anche
previa pseudonimizzazione dei dati personali dei contribuenti, di tecnologie, elaborazioni ed
interconnessioni con altre banche dati (tra cui l’Archivio dei rapporti finanziari), al fine di individuare criteri utili all’emersione di posizioni di maggior rischio da sottoporre a controllo e incentivare l’adempimento spontaneo.
Come evidenziato nella Relazione illustrativa al ddl della Finanziaria 2020
“le finalità perseguite dalla norma sono identificabili in:
O una maggiore utilizzabilità delle banche dati di cui dispone l’Agenzia delle entrate
nell’elaborazione di modelli di analisi del rischio con i dati dell’archivio dei rapporti finanziari;
O possibilità di apportare correttivi e miglioramenti ai suddetti modelli in modo più efficiente
e tempestivo in ragione di una maggiore ampiezza del set informativo a disposizione per
la profilazione del rischio evasione;
O possibilità di escludere dalla selezione contribuenti per i quali l’incrocio delle banche
dati faccia emergere elementi a supporto della loro capacità contributiva, consentendo di
orientare l’attività di contrasto all’evasione in modo più efficace”.
La pseudonimizzazione, nel caso di utilizzo dei dati dell’Archivio dei rapporti finanziari, “comporta un trattamento dei dati volto al mascheramento dei dati personali e sensibili al fine di non renderli facilmente e direttamente attribuibili ad un soggetto specifico, senza l’utilizzo di informazioni aggiuntive”.
Al fine di consentire lo svolgimento di tale attività, in sede di approvazione sono state introdotte alcune modifiche al D.Lgs. n. 196/2003 (Codice della Privacy) e, in particolare è prevista l’inclusione delle attività di prevenzione e contrasto all’evasione fra quelle di rilevante interesse pubblico per le quali è disposta la limitazione di specifici diritti dell’interessato.
Inoltre, con riguardo al solo trattamento dei dati contenuti nell’Archivio di rapporti finanziari è
demandata al MEF l’individuazione dei diritti da limitare e delle modalità di esercizio degli stessi, nel rispetto delle disposizioni in materia di protezione dei dati personali.

Per maggiori informazioni contattaci tramite il form di seguito

Accetto i termini dell'informativa sulla privacy e autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi del GDPR (Regolamento UE 2016/679).